1651987424941877

HAMOIR =) Xhignesse ... La sua storia

Chi meglio di Wikipedia per raccontarti la storia

da e in poi


HAMOIR

Hamoir è essenzialmente un comune rurale. La valle dell'Ourthe che attraversa la città da sud a nord contribuisce al suo sviluppo turistico, principalmente a Hamoir e Comblain-la-Tour (stazioni SNCB , campeggi, hotel, ristoranti). Ourthe riceve successivamente il Néblon a Hamoir, il Bloquay a Fairon e il Boé a Comblain-la-Tour. Hamoir ha anche uno stabilimento per la lavorazione di prodotti lattiero-caseari e molti negozi (principalmente in rue du Pont). La città è attraversata dalla National Route 66 che funge da punto di riferimento.A Huy si parla della ""route de Hamoir"".

La città fa parte di quattro diverse regioni naturali: le Ardenne nei boschi a est di Filot, Calestienne a Filot, Famenne in gran parte di Hamoir, Fairon e Comblain-la-Tour e Condroz a Sparmont e Lawé .

Il comune fa parte del Gruppo economico regionale delle valli dell'Ourthe, del Vesdre e dell'Amblève ( GREOVA ) e dell'ufficio turistico diPaese di Ourthe-Amblève.

Il comune di Hamoir è composto da tre ex comuni e quattro villaggi:

  • Comblain-Fairon , una città che consisteva di due villaggi:

    • Comblain-la-Tour , che ha tenuto il suo festival jazz per otto anni; il festival è stato rilanciato nel 2009 in occasione del cinquantesimo anniversario della prima edizione,

    • Fairon , un villaggio concentrico attorno alla sua chiesa,

  • Filot , villaggio del compositore Édouard Senny (1923-1980)


Ha anche alcune frazioni

Xhignesse , Tabreux , Lassus , Comblinay , Lawé , Sparmont , Chirmont
e Insegotte .

Descrizione del villaggio

Il villaggio di Hamoir è concentrato principalmente sul fondo della valle dell'Ourthe nel luogo della sua confluenza con il Néblonnonché sul versante occidentale della collina, a un'altitudine di circa 119 m al ponte, 12 km a monte della confluenza dell'Ourthe e dell'Amblève , 39 km da Liegi e 24 da Huy . Situato principalmente a Famenne , l'ex comune di Hamoir raggruppava tre "entità": Xhignesse sulla riva destra a valle, Hamoir-center e Hamoir-Lassus a monte, anch'esse sulla riva destra.



Vecchie case sulle rive dell'Ourthe.

La parrocchia: da Xhignesse a Hamoir

La costituzione delle parrocchie all'inizio del periodo medievale ha un'importanza che va oltre il carattere religioso da cui dipendono. Infatti, con il passaggio da una società urbana a una società rurale, strutturano il mondo rurale e costituiscono un portale per la diffusione della fede, di cui la chiesa parrocchiale costituisce il centro di un territorio materializzato.Evangelizzata da Saint Remacle , la regione di Hamoir conserva un ricordo indelebile del suo passaggio durante il Medioevo grazie al pellegrinaggio delle fontane situate a Filot. A lui dobbiamo la volontà di istituire parrocchie nelle nostre regioni. Insediamenti attestati da un diploma, in particolare, del re dei Franchi Sigeberto , uomo pio, che concedeva terreni a San Remacolo per l'istituzione di un monastero.

Anche la fondazione dell'ex parrocchia di Xhignesse è strettamente legata all'abbazia di Stavelot . Una tradizione popolare vuole che sia Plectrude , moglie di Pépin de Herstal , all'origine di questa fondazione alla fine del VII secolo.secolo, come fu per la vicina parrocchia di Lierneux . Questa tradizione si riflette in un manoscritto contestato di un Laurenty, priore del monastero di Malmedy , in un grado del XVII secolo. Altre fonti indicano che una comunità monastica dipendente Stavelot, si trasferì a Xhignesse, e i cui resti sono la chiesa romanica del XII secolo che fungeva da abbazia e fu sepolto dove l'abate di Stavelot St. Angelin. Questa tesi è supportata dal ritrovamento non lontano dal centro del paese di una primitiva chiesa, gli unici resti sono tracce a terra di antiche mura e colonne, e una serie di antiche tombe risalenti ai secoli e viii - ix , distrutta dai Normanni.

La chiesa è in stile Hamoir-gotico del XIX secolo Mosan
l'architetto Jean-Lambert Blandot

Tuttavia, Xhignesse come capitale spirituale di un vasto territorio che si estende tra le parrocchie di Stavelot, Lierneux, Tohogne e Ocquier , è attestato dalla fine delsettimo secolo. Ma dal XII secolo, la parrocchia fu smembrata stabilendo nuove chiese nei villaggi vicini, come a Lognes o Ferrières. Infine, nel XVIII secolo, rimane della vecchia parrocchia Xhignesse i villaggi di Hamoir e Filot, Xhignesse, Lassus e Sy. Ma nel 1737, la cappella di Notre-Dame de Lorette fu costruita nel centro di Hamoir, e sebbene la chiesa di Xhignesse conservasse il monopolio delle masse delle principali feste, ciò non impedì alla chiesa di perdere il suo rango di parrocchia in 1803 a beneficio di Filot prima e poi di Hamoir nel 1842.

Dal punto di vista architettonico, la chiesa di Xhignesse appartiene allo stile mosano, ma l'influenza del Reno è ben sentita. L'edificio è costruito in pietra calcarea e arenaria, materiali originari della regione. Il piano è qualificato come basilica.La navata centrale è composta da una navata con tre sezioni e navate laterali, e un transetto, dove, sotto l'arco trionfale è appeso un crocifisso datato policromo senza certezza del XVII secolo, che si apre con il coro . Si noterà in particolare la presenza di un presbiterio che precede l'abside, a sua volta caratteristico per la presenza all'esterno di un notevole ornamento di sette arcate cieche sormontate da nove nicchie destinate ad alleggerire la volta. Alcuni vedono in ""questo processo architettonico l'inizio di un'evoluzione che porterà alle gallerie dei nani o del Reno. "

La chiesa di Hamoir fu costruita per volontà di Jean Del Cour la cui eredità era destinata alla costruzione di una cappella, nota come Notre-Dame de Lorette.È grazie alla vendita di un centinaio di quadri del celebre pittore e scultore che si poté intraprendere la costruzione della chiesa, ancora oggi visibile, iniziata nel 1869 sul luogo della cappella perduta. Dedicata alla Beata Vergine Maria, si dice che la chiesa sia di "stile ogivale". All'interno si trova il vero ritratto di San Luca di Jean Del Cour, oltre a una porta del tabernacolo scolpita dallo stesso artista.

Jean Del Cour: una figura di Hamoir e il paesaggio di Liegi

Copia della Vergine e il bambino davanti alla chiesa.
L'originale si trova a Vinâve d'Île a Liegi .

Jean Del Cour nacque nel 1631 a Hamoir, morì nel 1707 a Liegi ,rue Sœurs-de-Hasque, dove fu stabilita la sua bottega, e sepolta nella ormai defunta chiesa di Saint-Martin-en-Île . Ispirato dal padre falegname, era uno scultore molto ricercato, prova che godeva di una certa reputazione ai suoi tempi. Molte delle sue opere si trovano nelle chiese di Liegi o in Belgio. Citiamo ad esempio la serie di statue della chiesa Saint-Jacques a Liegi, in legno di tiglio, materiale di cui era maestro in passato, e dipinte a imitazione del marmo, quelle della chiesa dei Frati Minori, la cappella del Santo Sacramento della Collegiata di St-MartinLa tomba del 9 ° vescovo di Gand nella cattedrale di San Bavone , o l'altare della chiesa abbaziale di Herckenrode oggi nella chiesa di Nostra Signora di Hasselt . Ma le sue opere più note del Pays de Liège sono senza dubbio La Vergine e il Bambino che si trova in cima alla fontana Vinâve d'Île , le Tre Grazie in cima al Perron di Liegi in Place du Marché e l'opera che rivelato, Cristoin bronzo proveniente dal Pont des Arches, oggi custodito nella cattedrale di Saint Paul . Dopo la sua morte, la sua reputazione non è diminuita, se non nel periodo romantico, più appassionato di epoca medievale, e sotto la penna di alcuni critici. I suoi più grandi estimatori lo vedranno incontrare Bernini durante un viaggio a Roma - quando avrebbe frequentato, con ogni probabilità, solo la sua bottega o alcuni suoi collaboratori dai quali si sarebbe ispirato - e Vauban che gli avrebbe ordinato una statua di Luigi XIV . Da segnalare due monumenti in suo onore: quello di Piazza San Paolocostruito nel 1911 e quello di Place Del Cour a Hamoir nel 1927 dove una Madonna col Bambino in bronzo siede sul trono.

Altre personalità legate a Hamoir

Immagini

  • Ponte Hamoir sull'Ourthe visto dalla foce del Néblon

  • Vecchie case quai du Batty

  • Interno della chiesa di Sainte-Vierge-Marie

  • Sentiero lungo l'Ourthe fino a Tabreux



Un clic

Fonte: Wikipedia: Hamoir

La maison communale de Hamoir La rue principale loge le chemin de fer menant à la gare de HAMOIR HAMOIR traversée par l'Ourthe dans laquelle se jette le Néblon - Sans oublier toute cette belle végétation Vue partielle de Xhignesse - façade de La Grange de David